13. dic, 2021

Sono abbastanza per me ? e per la mia famiglia ?

Domizia
Sono abbastanza per me ? e per la mia famiglia?

Mercato Cosmico
Come succede di frequente, anche qui c’è già la risposta in parte della tua domanda, perché hai invertito il verbo “sono” con “faccio” e – senza pensarci - hai tracciato la strada
Mi spiego meglio: solitamente ci chiediamo se “facciamo” abbastanza. Per noi stessi, per gli altri, per la famiglia
Ma segnati questa importante differenza fra il verbo essere ed il verbo fare:
Quello che “sono” è quello che scelgo – Quello che “faccio” spesso è ciò che non mi piace, e pertanto posso cambiarlo.
Quello che “sono” è ciò che l’Anima ha voluto sperimentare qui, in questa vita. E’ la frequenza che ti sostiene, con l’insieme di tutte le vibrazioni che ti appartengono e che portano a manifestare il tuo colore, ciò che sei.
Credi possibile che sia insufficiente , di qualsiasi tonalità o sfumatura esso sia ? Hai mai pensato che un giallo ocra non sia abbastanza bravo , degno di stare su una tavolozza di colori, al fianco di un giallo canarino? Non credo, perché credi che ogni sfumatura di colore sia bellissima, ed utile, quando è il suo momento di rappresentare un tono su una tela, o su una foglia di un albero.
E probabilmente volevi scrivere se tu “fai” abbastanza per te e la tua famiglia.
Ti piace quello che fai ?
Sei felice di farlo? Perché la domanda torna sempre sul verbo essere, su cosa sei.
Se sei te stessa, nello scovare quale colore indossa la tua Anima, e viaggi tenendola per mano, così così, tutto ciò che “farai” sarà perfetto. Solo se la tieni per mano, però. E non cerchi di cambiare colore, di voler fare il “Blu”, se invece sei fatta di “Rosa”. Perché pensi che sia più bello, più intenso , più fico, il Blu.
Entra dentro di te, respira con calma ed incontra la tua Anima. Guarda che colore indossa, senti la sua frequenza e fonditi con lei. A quel punto, questa domanda svanirà. Vedrai il disegno dai contorni perfetti, con tutti i colori necessari, e tutti gli attori che servono proprio per quella scena da rappresentare.
Alla tua famiglia servi tu esattamente come sei in ogni istante , proprio perché è una tua rappresentazione .
E ciò che a volte potrà sembrarti insufficiente o non chiaro al momento , abituati a ripeterti che la “causa è nel Futuro”. Perché è così. Scardina l’idea di colpevolezza per cui quello che faccio e semino oggi, lo raccoglierò domani. Nelle nostre esperienze, quello che oggi non comprendo è perché è il Futuro che lo sta
richiamando, che gli chiede di manifestarsi. Non capisco oggi quello che sta accadendo ? non importa, lascia fluire, lascia che.. Il Futuro presto manifesterà, e tu comprenderai a cosa serviva.
E’ tutto perfetto, e connesso, e collegato. Sempre.
Siamo tutti perfetti, connessi e fantastici. Sempre.
Anche tu si, si !! anche tu.